Home > Archivio News > 2007 > HEART TANGO - INTIMISSIMI
Home - Redazione - Ricerca - Testologia Semiotica - Case Studies - Contatti - Archivio News


H
EART TANGO - INTIMISSIMI
di Elisabet Fasano - pubblicato il 20/12/07

OGGETTO: cortometraggio

Heartango” è il titolo del cortometraggio diretto da Gabriele Muccino e  con protagonista Monica Bellucci presentato dall’agenzia di comunicazione Leo Burnett per il noto marchio di lingerie “Intimissimi” .
È parte di una campagna pubblicitaria integrata che si dispiega sui diversi mezzi, puntando prevalentemente al cinema diffuso sul web.
L’essenza della campagna verte attorno al claim “Intimissimi. Vicino al cuore delle donne”, strettamente legato alla filosofia del brand.
”Nel cuore di una donna ci sono tanti cuori. Ognuno batte in modo diverso”. Si apre così la prima inquadrature in cui emerge la Bellucci, in sottoveste nera di seta, impegnata in un tango passionale con il ballerino portoghese Josè Fidalgo. Girata nella suggestiva Lisbona, il corto parla delle innumerevoli emozioni, delle tante personalità racchiuse in una medesima donna.
Ci racconta la storia di una di una donna poliedrica, eclettica, sensuale, aggressiva, premurosa, madre, allieva di una scuola di ballo, che si lascia sedurre, abbandonare e riprendere dal suo tangeuro. La donna raggiunge l’amante in un albergo, apre la porta e scopre l’uomo mentre fa l’amore con un’altra: quella donna però è se stessa. In ogni donna ci sono tanti cuori e in ognuno di essi vive un’emozione differente. Il corto cerca di raccontarle tutte.
Più che di uno spot, difatti,  si tratta di un vero e proprio corto da 30” , apparso per la prima volta sul piccolo schermo domenica 2 dicembre 2007, mentre una versione di 4 minuti è disponibile sul sito internet aziendale.
La stessa strategia di comunicazione è stata anche adottata dalla la stampa periodica e quotidiana, che trasforma le pagine in locandine cinematografiche, visibili anche in maxi formato in affissione e in tutti i punti vendita Intimissimi a livello europeo.

Spunti riflessivi di carattere semiotico-testologico

Lo spot è un testo multimediale dinamico, audiovisivo, utilizza cioè sinergicamente il linguaggio visivo e sonoro ai fini della commercializzazione di un prodotto o della veicolazione dell’immaginario di un brand. La lettura narrativa del testo segue la sintassi delle immagini, accompagnata dalla colonna sonora e dalla voce narrante.
Sulle note di un tango contemporaneo, si evolve la narrazione totalmente destrutturata e “circolare”; la voce narrante, e cioè quella del tangeuro recita:

Conosco ogni tuo respiro, ogni tuo gesto, ciò che pensi, che dici, che ami.
Eppure quando credo di sapere tutto di te...in quell’attimo tu diventi un’altra, e poi un’altra e un’altra ancora. Forse non riuscirò mai a capirti davvero, ma so che per te non smetterò mai di battere.
Scopri quanti cuori può avere una donna su intimissimi.com”.

Nel testo verbale, lo spot parla di passione, ambiguità, mistero dato dalla molteplicità dell’essere donna. La costruzione delle sequenza delle immagini, ancora la tematica in un climax crescente, enfatizzato dall’incalzare del ritmo del tango. Lo spettatore è coinvolto emotivamente in un gioco di seduzione e abbandono.

Sono evidenti le influenze del linguaggio cinematografico. Il tango e la  sottoveste indossata dall’attrice come metafora della passione, fanno parte della cultura cinematografa italiana, dell'immaginario collettivo, della nostra storia. Ci riportano al cinema neorealista di Rossellini, Visconti, De Sica e alle attrici quali Sofia Loren, Anna Magnani.

Alcune questioni da approfondire

  • L’importanza della dimensione estesica o percettiva del senso, nella determinazione delle logiche costruttive e interpretative del corto pubblicitario.
  • La marca come motore semiotico.
  • La commistione dei linguaggi pubblicitario e cinematografico.
News
“Come suonano i sogni"
di Elisabet Fasano
Lavazza Design Paradiso
di Elisabet Fasano
Barilla: 132 Anni in 132 secondi
di Francesco Barbabella
Milano: “La città che sale”.
di Elisabet Fasano
Alfa - BET: MiTO
di Elisabet Fasano